21 Ottobre 2017, 4:57
IschiaDirectory su Facebook  IschiaDirectory su twitter   
 
Home
Agenzie di Viaggi
Transfer & Tour
Appartamenti e Ville
Agenzie Immobiliari
Centri Benessere
Ristoranti, Pub e Bar
Shopping
Autonoleggi
Eventi e Cultura
News
Castello Aragonese
Tutto l'anno, Mostra Museo Castello Aragonese ad Ischia Ponte...
Teatro, Attori per Caso
Martedì 9 Agosto 2011 - Spettacolo teatrale "L'Arte De Pazze"...
Calcio, Napoli - Parma
15/10/11, Il Cinema Excelsior di Ischia trasmette in diretta l'evento calcistico di Srie A - Napoli vs Parma...
Andiamo al Cinema dal 03/02
ISCHIA
Ore 20:00 - HUGO CABRET
FORIO
Ore 17:00 - IL RE LEONE in 3D
Ore 19:00 - MILLENIUM - Uomini che Odiano le Donne

Dal 1979 "facciamo compagnia" alla notte ischitana, siamo sempre pronti a festeggiare con te il tuo evento speciale.
Sapere
Le Terme di Ischia
Vedere
IschiaDirectory » Storia dell'isola d'Ischia » Il seicento e il settecento
 
Per le tue cerimonie importanti affidati alla nostra esperienza saremo in grado di consigliarti il meglio della gioielleria e dell'orologeria d'alta classe.

Il seicento e il settecento

Dalle poche notizie che abbiamo sulle condizioni dell'isola durante il 1600, sappiamo che l'amministrazione del vicerè spagnolo, don Pedro de Toledo, si fece più dura, imponendo all'isola un'eccessiva tassazione; frequenti furono i terremoti e le invasioni dei Turchi; infine, lo scoppio della peste a Napoli nel 1656, fece molte vittime anche sull'isola. Le incursioni ottomane si conclusero solo grazie all'avvento della dominazione austriaca: Carlo VI infatti, incluse l'isola nei suoi possedimenti nel 1731. Nel 1672, sotto gli auspici del vescovo d'Ischia Gerolamo Rocca, vengono completati i Pilastri, i quali convogliavano l'acqua di Buceto ad Ischia Ponte che ne era privo. Nel 1734 le truppe borboniche entrano a Napoli. Carlo III di Borbone conquista l'isola e nomina come suo governatore Giuseppe d'Argouth, il quale diventerà poi eremita di S. Nicola sull'Epomeo nel 1734. Intanto lo spirito della rivoluzione francese aveva fatto insorgere anche i napoletani contro il re francese Ferdinando IV di Borgogna. I giacobini proclamarono la "Repubblica partenopea" (1799), che sarà soffocata nel sangue sei mesi dopo, quando fu assalita dai soldati del cardinale Ruffo, vicario generale del regno. Il Ruffo riuscì ad entrare a Napoli, offrendo ai giacobini di ritornare indenni in Francia; ma la regina Carolina d'Austria, col concorso dell'ambasciatore inglese Lady Hamilton, amica dell'ammiraglio inglese Nelson, lo indusse ad intervenire e a violare l'accordo con i giacobini. Furono così impiccati, in Piazza dei Martiri (Procida) il comandante del castello d'Ischia Francesco Buonocore con altri 13 patrioti, mentre altri venivano impiccati sulla "spiaggia dei pescatori" in Ischia.
 
cartina isola d'ischia
foto ischia, ischia foto, ischia
Informazioni
Inserisci evento su IschiaDirectory

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di www.IschiaDirectory.it . Ulteriori informazioni