21 Ottobre 2017, 4:57
IschiaDirectory su Facebook  IschiaDirectory su twitter   
 
Home
Agenzie di Viaggi
Transfer & Tour
Appartamenti e Ville
Agenzie Immobiliari
Centri Benessere
Ristoranti, Pub e Bar
Shopping
Autonoleggi
Eventi e Cultura
News
Castello Aragonese
Tutto l'anno, Mostra Museo Castello Aragonese ad Ischia Ponte...
Andiamo al Cinema dal 1/05
• CINEMA EXCELSIOR ISCHIA
THE AVENGERS in 3D
Spettacoli ore 19:45 e 22:30
• CINEMA DELLE VITTORIE FORIO
HUNGER GAMES
Spettacoli ore 19:00 e 22:00

Calcio, Juventus vs Napoli
Domenica 20 maggio ore 21:00, presso il Cineteatro Excelsior sarÓ trasmessa la diretta di Finale TIM CUP tra Juventus vs Napoli...
Premio di Architettura
Dal 18 al 24 Luglio, IV edizione del PIDA, che vede come protagonisti architetti di fama internazionale...
Non Solo Moda Ŕ un negozio di biancheria intima e abbigliamento sull'isola d'Ischia, in Via Cumana a Casamicciola Terme.
Sapere
Le Terme di Ischia
Vedere
IschiaDirectory » Storia dell'isola d'Ischia » Angioini e Aragonesi
 
Negozio di shopping online di informatica e telefonia che opera sull'isola d'Ischia, propone un vasto assortimento di articoli hi-tech, PC, cellulari, smartphone e assistenza tecnica.

Angioini e Aragonesi

A Federico II successe nel 1250 il figlio Corrado IV, il quale morì pochi anni dopo lasciando il regno al figlio di appena tre anni, Corradino. Assunse perciò la reggenza del regno Manfredi, l'altro figlio di Federico II, che riprese contro il papato l'aggressiva politica paterna. Per combattere Manfresi, il papa Clemente IV chiamò in Italia Carlo d'Angiò, fratello del re di Francia Filippo Augusto, offrendogli il regno dell'Italia meridionale. Con la battaglia di Benevento del 1266, che determinò la sconfitta di Manfredi, figlio di Federico II di Svevia, subentrarono gli Angioini. Vano fu il tentativo del quindicenne Corradino di cacciare i Francesi. Battuto a Tagliacozzo (l'Aquila), venne consegnato a Carlo d'Angiò, il quale lo fece decapitare a Napoli (1268) nella piazza del Mercato. Alcune imbarcazioni pisane abbordarono l'isola d'Ischia ed occuparono l'odierna Ischia Ponte, ma non riuscirono a convincere gli isolani ad acclamare Corradino contro l'invasore angioino. Perpetrarono terribili rappresaglie. Carlo I d'Angiò, come avevano già fatto i Normanni, promosse un'ulteriore serie di lavori al Castello e promosse il commercio marittimo dell'isola: tracce di un antico porto angioino si notano nell'insenatura degli scogli di S. Anna. Il porto aveva un ruolo fondamentale nei traffici commerciali e militari del Mediterraneo.

Gli Aragonesi fecero la loro comparsa con i "Vespri siciliani" del 1282: il popolo, con l'appoggio della Casata spagnola degli Aragonesi e capitanata dallo straordinario condottiero e corsaro temuto dagli arabi, che fu Giovanni da Procida (nipote del più famoso Giovanni dei "Vespri") , si sollevò contro il dominatore francese degli Angioini. Invocato dai Siciliani, sbarcò nell'isola Pietro III d'Aragona, marito di Costanza, figlia di Manfredi. A conclusione (1302) di duri scontri tra Angioini e Aragonesi, il regno di Napoli andò ai primi, mentre quello di Sicilia ai secondi.
Il Catrum Ieronis fu occupato più volte e alternativamente dagli Angioini agli Aragonesi, fino a quando Carlo II d'Angiò non lo conquisterà definitivamente nel 1299, punendola duramente per il suo allineamento con gli Spagnoli.

Tale periodo storico fa da sfondo alla novella di Restituta Bulgari e Giovanni da Procida, che il Boccaccio ambientò tra il Castello, il borgo marinaro e la baia di Cartaromana.

La devastante eruzione del 1301. Nei primissimi anni del 1300 l'isola subirà una nuova catastrofe naturale con l'eruzione vulcanica passata alla storia come Eruzione dell'Arso, che colpì principalmente la zona nord orientale di Ischia. Devastata fu la zona di Fiaiano, dov'era la bocca eruttiva e la lava arrivò fino alla zona della Mandra, formando così il nuovo promontorio di Punta Molino. Questa eruzione rese ancor di più insicuro il territorio e comportò l'aumento della popolazione sull'isolotto.

Nel 1309 moriva Carlo II e gli succedeva al trono di Napoli il figlio Roberto d'Angiò che nei primi anni di regno visitò il Castello accompagnato dalla moglie Sancia e dal poeta Petrarca.
 
cartina isola d'ischia
foto ischia, ischia foto, ischia
Informazioni
Inserisci evento su IschiaDirectory

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di www.IschiaDirectory.it . Ulteriori informazioni